Aggiunta di docetaxel per il trattamento standard migliora la sopravvivenza in zone ad alto rischio di cancro alla prostata

13 Maggio 2019
2 min leggere

Salva

aggiungi per AGGIUNGERE un ARGOMENTO DI AVVISI e-MAIL
Ricezione di una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su
Si prega di fornire il vostro indirizzo e-mail per ricevere una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su .

Iscriviti

AGGIUNTO AGLI AVVISI E-MAIL
Hai aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail

Hai aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail
Torna a Healio
Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Riprova più tardi. Se si continua ad avere questo problema si prega di contattare [email protected]
Torna a Healio

La chemioterapia adiuvante a base di docetaxel ha migliorato OS e DFS tra gli uomini con carcinoma prostatico non metastatico ad alto rischio quando aggiunto al trattamento standard di radioterapia e soppressione degli androgeni a lungo termine, secondo i risultati di uno studio randomizzato multicentrico di fase 3 pubblicato su Journal of Clinical Oncology.

I risultati hanno anche mostrato una riduzione del tasso di metastasi a distanza con l’aggiunta di docetaxel al trattamento standard per questi uomini.

“Questi sono risultati promettenti,” Seth A. Rosenthal, MD, FACR, FASTRO, oncologo di radiazioni al Sutter Cancer Center e autore principale dello studio, ha dichiarato in un comunicato stampa. “I medici dovrebbero considerare la discussione di questa opzione con pazienti selezionati che sono adatti per la chemioterapia.”

Studi precedenti hanno dimostrato che la chemioterapia con docetaxel migliorava la OS tra gli uomini con carcinoma prostatico resistente alla castrazione o sensibile alla castrazione. La chemioterapia citotossica può anche essere in grado di colpire le cellule resistenti agli ormoni.

Rosenthal e colleghi hanno testato la loro ipotesi che docetaxel possa migliorare la OS e gli esiti clinici rispetto al trattamento standard tra 563 uomini (età media, 66 anni; range, 46-83; 87,6% bianchi) con carcinoma prostatico non metastatico ad alto rischio. Più della metà degli uomini (52,8%) aveva un punteggio Gleason di 9 o 10, e il 27% aveva la malattia da cT3 a cT4. Il PSA mediano è stato di 15,1 ng / mL.

I ricercatori hanno assegnato in modo casuale gli uomini alla terapia standard con soppressione degli androgeni e radioterapia del fascio esterno (n = 281) o alla terapia standard più sei cicli di docetaxel e prednisone in concomitanza con la soppressione degli androgeni a partire da 28 giorni dopo la radioterapia (n = 282).

Il follow-up mediano è stato di 5,7 anni.

Cinquantanove uomini nel gruppo di terapia standard sono morti, tra cui 23 di cancro alla prostata, rispetto a 43 decessi nel gruppo di terapia standard / chemioterapia, 16 dei quali erano dovuti a cancro alla prostata.

I risultati hanno mostrato tassi di OS a 4 anni del 93% (95% IC, 90-96) con terapia standard più chemioterapia e dell ‘ 89% (95% IC, 84-92) con terapia standard (HR = 0,69; 90% IC, 0,49-0,97).

I tassi di DFS a sei anni sono stati del 65% nel gruppo trattato con terapia standard / chemioterapia e del 55% nel gruppo trattato con terapia standard (HR = 0,76; IC al 95%, 0,58-0,99). I tassi a sei anni di metastasi a distanza sono stati del 9,1% con terapia standard e chemioterapia e del 14% con terapia standard (HR = 0,76; IC al 95%, 0,58-0,99).

Entrambi i gruppi hanno tollerato bene il trattamento, senza eventi avversi imprevisti.

“Un follow-up più lungo può definire meglio i risultati, anche se i rischi concorrenti sono sempre una preoccupazione.”Rosenthal e colleghi hanno scritto. “Metodi migliorati di stratificazione del rischio, incluso l’uso emergente del profiling molecolare, possono aiutare a identificare meglio i pazienti che trarranno beneficio dall’intensificazione del trattamento con in futuro.”

INTERRUZIONE DI PAGINA

I risultati dovrebbero richiedere una valutazione multidisciplinare per tutti gli uomini con cancro alla prostata ad alto rischio, Rahul R. Parikh, MD, e Biren Saraiya, MD, entrambi del dipartimento di radioterapia oncologia presso Rutgers Cancer Institute del New Jersey, ha scritto in un editoriale di accompagnamento.

“Abbiamo veramente bisogno di identificare le caratteristiche patologiche, cliniche e molecolari giuste per indirizzare gli approcci terapeutici appropriati”, hanno scritto Parikh e Saraiya. “Nel prossimo futuro, probabilmente vedremo l’evoluzione del paradigma di trattamento del cancro alla prostata con farmaci biologici e medicina personalizzata come osservato in molti altri tumori.”- di John DeRosier

Informazioni: Rosenthal non riporta informazioni finanziarie rilevanti. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori. Parikh e Saraiya non riportano informazioni finanziarie rilevanti.

AGGIUNGI ARGOMENTO AGLI AVVISI E-MAIL
Ricevi un’e-mail quando vengono pubblicati nuovi articoli su
Fornisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere un’e-mail quando vengono pubblicati nuovi articoli su .

Iscriviti

AGGIUNTO AGLI AVVISI E-MAIL
Hai aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail

Hai aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail
Torna a Healio
Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Riprova più tardi. Se si continua ad avere questo problema si prega di contattare [email protected]
Torna a Healio

You might also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.