Cos’e ‘ successo a Shelley Duvall?

Per tutto quello che ha fatto nella sua carriera Shelley Duvall è sempre ricordata solo per alcuni ruoli come Wendy in Shining e possibilmente Olive Oyl dal film Popeye con il compianto Robin Williams. Ha fatto un sacco mentre era attiva ed è venuto per essere uno dei volti più noti nel suo tempo, ma ci sono stati momenti in cui si sentiva come se lei non ha ottenuto abbastanza credito. Il suo tempo in The Shining è stato stroncato così pesantemente dalla critica che è facile pensare che se i critici avessero dovuto lavorare con Stanley Kubrick e passare attraverso lo stress che Duvall sentiva avrebbero potuto riconsiderare le loro dure opinioni sul suo ruolo. A un certo punto Kubrick la teneva così stressata per ottenere le emozioni che voleva da lei che Duvall ha iniziato a perdere ciuffi di capelli ed è stato completamente teso. È bello cercare di motivare gli attori e tutto il resto, ma ci sono dei limiti che un regista non dovrebbe andare oltre, e nonostante il genio che ha creato The Shining è un po ‘ difficile sentire più di una volta come Kubrick abbia davvero cercato di isolare Duvall da tutti per darle l’aspetto disperato e maniacale che voleva per il suo personaggio. Si chiama recitazione per una ragione, dopo tutto, non c’è bisogno di terrorizzare i propri attori per farli entrare nell’umore.

Dal suo ritiro nel 2002, Shelley è rimasta il più possibile fuori dalla vita pubblica, ma è apparsa in un episodio di Dr. Phil a un certo punto, che ha rivelato che lei ha a che fare con un attacco molto grave di malattia mentale che richiede una grande quantità di aiuto. C’erano molte persone che erano fermamente convinte che il Dr. Phil stesse usando Duvall per la pubblicità, e persino un parente del defunto Stanley Kubrick chiamò il Dr. Phil sui social media per aver osato averla nel suo show. Altri hanno offerto un parere diverso anche se dal momento che credevano che il suo aspetto in TV era meglio di qualsiasi isolamento continuo dal momento che poteva permettersi l ” aiuto che ha veramente bisogno. Alcuni potrebbero voler citare una serie di ragioni diverse per l’attuale declino mentale di Duvall, e alcuni potrebbero anche incolpare Kubrick per aver fatto girare quella particolare palla da quando il suo trattamento di Duvall decenni fa è stato demonizzato più di una volta. Ma c’è una buona probabilità che questa potrebbe essere una questione genetica e possibilmente ereditaria che è stata peggiorata dal tempo e dalle esigenze della sua precedente carriera. È difficile da sapere poiché gran parte di ciò che è scritto è congettura fino a quando non c’è una diagnosi fermamente dichiarata su ciò che sta causando la sua malattia. Ciò che è noto, tuttavia, è che durante i suoi anni migliori, Duvall era un’attrice di grande talento e lei è sicuramente abbastanza piacevole da ricordare.

Un ruolo che anche Roger Ebert apparentemente concordava sul fatto che fosse destinata a interpretare era quello di Olive Oyl nel suddetto film Popeye. Mentre questo film era una specie di anatra strana quando si trattava di cinema dal momento che ritrasse Braccio di Ferro in un modo leggermente diverso, non era così orribile che la gente non lo ricordasse, ma sicuramente non era così grande da andare oltre il palco di Razzie. Casting Robin Williams come il personaggio titolare non è stata una cattiva idea a tutti, ma casting Duvall come Olive è stato sicuramente una delle migliori mosse nella storia del cinema dal momento che ha incarnato il personaggio perfettamente ed eseguito così bene che molte persone dovrebbero essere in grado di essere d’accordo che lei è nata per interpretare il ruolo e pochi altri avrebbero potuto farlo in modo così convincente. Qualcosa su Duvall ha sempre chiarito che lei è il tipo di attrice che ha bisogno di un ruolo che sta per tenerla in giro come qualcuno che non è del tutto forte, ma non è così debole che non può stare in piedi per se stessa in qualche modo, che è il suo atteggiamento imperterrito che può divampare in un dato momento. In The Shining non abbiamo potuto vedere un sacco di quell’atteggiamento, ma abbiamo potuto vedere il suo spettacolo abbastanza forte da farla finalmente uscire dall’Overlook, raccogliere Danny e uscire da lì. Certo, quella forza potrebbe essere nata più dalla paura che da qualsiasi altra cosa, ma ha comunque funzionato.

In questi giorni, Shelley non sta bene, e probabilmente ha avuto giorni migliori da quando la sua salute mentale si sta deteriorando ed è una grande speranza che qualcosa sarà fatto per aiutarla. La stella che era non è la persona che è ora, ma molti ricorderanno volentieri i suoi giorni di gloria da quando è riuscita a confrontarsi con alcune delle più grandi stelle e ha piantato il suo nome saldamente nei libri di storia a cui appartiene. Se non altro, era una grande attrice in una sola volta.

You might also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.